Costa dei Trabocchi al tramonto: uno spettacolo tutto abruzzese

 In Trends

È tra i tratti di costa più noti e apprezzati in Italia, espressione tra le più rappresentative del turismo in Abruzzo e delle bellezze del suo territorio.

La Costa dei Trabocchi è una linea di sabbia affacciata sul Mar Adriatico. Una linea che da Ortona corre a Sud, verso San Salvo, delineando un dolce profilo fatto di scorci meravigliosi e insenature marine. Lungo il suo percorso si susseguono le spiagge di San Vito Chietino e ancora quelle di Fossacesia, Torino di Sangro e Vasto, in un continuo alternarsi di stabilimenti balneari e lidi dai tratti selvaggi e incontaminati. Disseminati sul litorale, arricchiscono il paesaggio gli splendidi trabocchi: sghembe palafitte in legno tenute insieme da lunghi chiodi e intricati giochi di fune.

Strutture dal carattere antico, care a personaggi come D’Annunzio e Francesco Paolo Michetti, che ne narrarono lo splendore con parole e tratti di pennello. Il primo in particolare raccontò nel celebre libro “Il trionfo della morte” la fisionomia di queste opere di ingegneria popolare:

Le due maggiori antenne verticali, sostenute alla base da piuoli di tutte le grossezze, s’intersecavano congiunti tra di loro per mezzo di chiodi enormi, stretti da fili di ferro e da funi, rinforzati con mille ingegni contro le ire del mare.

Proprio i trabocchi costituiscono l’elemento più vivo di questo tratto costiero, in quanto ne caratterizzano il paesaggio con la loro primitiva presenza. In molti infatti giungono puntualmente, con la scusa di una giornata di mare, per ammirarne le complesse silhouette allungate sul mare aperto. In tanti inoltre, colgono l’occasione per provare l’esperienza di una cena sul trabocco. Queste strutture hanno infatti ormai da anni perso l’originale funzione di “macchine di pesca” per le quali furono costruite e in molti casi sono state riacquistate da privati e riconvertite in ristoranti dalla vista mozzafiato.

Il piacere di ammirare il tramonto durante un aperitivo sul trabocco rappresenta un’esperienza unica, un momento indimenticabile da provare almeno una volta nella vita.

Risalendo la Statale 16 Adriatica è possibile contemplarne il colpo d’occhio affacciati da uno degli innumerevoli punti panoramici, come quello appena fuori la chiesa di San Giovanni in Venere a Fossacesia o quello del Promontorio d’Annunziano di San Vito.

Le spiagge illuminate dal sole, i tratti aspri e rocciosi della costa e le ombre lunghe dei trabocchi che si immergono nel mare sono uno spettacolo che incanta col suo fascino senza tempo.

Punta Cavalluccio, Punta Fornace, Punta Aderci, Punta Acquabella, i Ripari di Giobbe: luoghi densi di un’atmosfera magica, tra le spiagge più famose in Abruzzo per la loro bellezza. Visitare la Costa dei Trabocchi è un’emozione che diviene avventura.

Lasciarsi cullare dall’impercettibile scricchiolio di queste costruzioni in legno mosse dai flutti è una sensazione unica e irripetibile. Un valore sul quale ristoratori e professionisti del settore turistico ormai puntano da tempo. Sui trabocchi è infatti possibile degustare piatti di cucina locale a base di pesce fresco, accompagnandoli magari col vino di una delle tante cantine di Ortona, Tollo e comuni limitrofi.

Altra interessante peculiarità della zona è rappresentata dalla presenza di numerosi luoghi di interesse di carattere naturalistico e storico. Il centro di Vasto, con i suoi palazzi antichi, quello di Ortona, con il castello aragonese che si affaccia sul mare, e ancora il Promontorio del Golfo di Venere a Fossacesia, la Lecceta di Torino di Sangro e il Giardino Botanico Mediterraneo di San Vito Marina: tante possibilità per chi è interessato a visitare l’Abruzzo e le sue bellezze.

La Costa dei Trabocchi rientra inoltre nel progetto di realizzazione di una pista ciclabile di carattere nazionale, la cosiddetta ciclovia Adriatica, che dalla foce del Po dovrebbe raggiungere la Regione Puglia, attraversando parte della vecchia ferrovia Adriatica locale (49 chilometri), oggi dismessa.

Un progetto che va ad aggiungersi ai tanti già in atto per la valorizzazione di questa terra in cui storia e paesaggio si fondono, divenendo espressione di un mondo sempre più conosciuto e visitato. Un mondo che attraverso il suo carattere antico permette di riscoprire la semplicità di un tempo, di quelle palafitte sul mare, che al tramonto regalano ancora autentiche emozioni.

Post recenti