Agevolazioni sisma

Secondo quanto disposto dalla L. n. 21/2021 (che ha convertito il D.L. 183/2020) l'ARERA con Delibera 111/2021/R/com ha prorogato fino al 31 dicembre 2021 le agevolazioni tariffarie a favore delle forniture e utenze localizzate in una 'zona rossa', per quelle relative a immobili inagibili e per quelle a favore delle soluzioni abitative di emergenza realizzate in occasione degli eventi sismici (SAE/MAPRE) previste dalla Delibera 252/2017/R/com.

Le agevolazioni tariffarie previste dalla Delibera 252/2017/R/com:

  • prevedono l’azzeramento dei corrispettivi per nuove connessioni/allacciamenti, disattivazioni, riattivazioni subentri e volture (limitatamente alle utenze domestiche e alle strutture abitative di emergenza);
  • riducono le componenti di rete e gli oneri generali del 100%;
  • per le sole utenze domestiche localizzate nella zona rossa pongono a zero tutte le componenti espresse in centesimi di euro/punto/anno;
  • sono cumulabili con il bonus elettrico, il bonus gas.

I titolari delle utenze e forniture localizzate nei Comuni di cui agli allegati 1, 2 e 2bis al D.L. 189/16, al fine di ottenere le agevolazioni, dovranno comunicare:

  • entro il 30 aprile 2021 agli uffici locali dell’Agenzia delle Entrate e all’INPS lo stato di inagibilità dell’abitazione;
  • entro il 30 giugno 2021 al venditore/gestore:
    • a) mediante dichiarazione sostitutiva di atto notorio, resa ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. 445/00, di aver presentato la dichiarazione di inagibilità ad Agenzia delle Entrate e INPS;
    • b) mediante autocertificazione – solo per i soggetti titolari di utenze/forniture ad uso domestico – che l’unità immobiliare era la casa di residenza alla data degli eventi sismici;
    • c) gli elementi identificativi del contratto.

Nel caso in cui l’agibilità dell’unità immobiliare sia ripristinata prima della scadenza del 31 dicembre 2021, i soggetti beneficiari della proroga delle agevolazioni ne danno comunicazione entro 30 (trenta) giorni all’esercente la vendita di energia elettrica e gas ed al gestore del SII.

Sul versante della fatturazione, per le utenze e forniture per le quali si disponga dell’informazione relativa alla permanenza dello stato di inagibilità, per le utenze/forniture localizzate nelle zone rosse e per quelle asservite alle SAE e ai MAPRE, la Delibera 111/2021/R/com ha posticipato al 31 dicembre 2021 il termine ultimo per emettere la fattura di conguaglio che dovrà contabilizzare le agevolazioni spettanti, comprese quelle calcolate sui consumi effettuati dalla data del 1° gennaio 2021 fino alla data di emissione della fattura medesima, e viene ulteriormente prolungata la sua rateizzazione, passando da minimo 36 a minimo 120 rate, limitatamente alle utenze e forniture colpite dagli eventi sismici del Centro Italia.

Soltanto nel caso sia già stata emessa la fattura di conguaglio saranno sospesi i termini di pagamento delle rate non ancora scadute. Questo per consentire ai clienti e agli utenti finali di saldare gli importi dovuti e non ancora pagati solo successivamente all’emissione della nuova fattura di conguaglio, ricalcolata tenendo conto della proroga delle agevolazioni e dilazionata in minimo 120 rate.