4 semplici esperimenti con l’elettricità da insegnare ai bambini

 In Trends

Dal limone-batteria all’accensione di una lampadina con acqua e sale: qualche semplice e divertente esperimento con l’elettricità da fare in casa per stupire i più piccoli!


Piccoli scienziati crescono! Insegnare i principi dell’elettricità ai bambini può essere un’esperienza divertente per tutti. Per i più piccoli, il gioco costituisce la migliore forma di apprendimento, specie quando parliamo di nozioni un po’ più “astratte”, come quelle dell’elettricità, o della fisica. Imparare può essere divertente e, soprattutto, un’ottima occasione per trascorrere un po’ di tempo in famiglia.

Per questo abbiamo selezionato 4 semplici esperimenti con l’elettricità da mostrare ai tuoi bambini, per stupirli e incuriosirli sul fenomeno elettrico con un pizzico di… magia!

Realizzare una pila elettrica con un limone (o patata)

È tra i piccoli esperimenti più noti e diffusi, che in passato veniva insegnato anche a scuola. Per creare elettricità utilizzando un limone hai bisogno:

  • di un limone (ovviamente 😜 );
  • una monetina o altro oggetto in bronzo;
  • una monetina o altro oggetto zincato;
  • un tester;
  • due cavetti elettrici con morsetto “a coccodrillo”;
  • un piccolo LED (lampadina di piccole dimensioni o lucetta).

Inizia facendo rotolare il limone su un piano, imprimendo una leggera pressione con la mano. In questo modo farai permeare una piccola parte di succo su tutta la buccia. Incidi ora due tacche sulla scorza del limone con un coltello, della profondità di circa due o tre centimetri.

Inserisci nelle tacche le due monetine (o limelle) in bronzo e zinco (vanno bene anche due chiodi, purché dei suddetti materiali) e collega loro i due poli del tester per verificare che producano energia (sarà di circa 1 volt). A questo punto ti basterà collegare i cavetti ai due elettrodi e ai due poli della lampadina per vederla accendere!

insegnare elettricità bambini

L’esperimento funziona anche con orologi, termometri e più in generale con ogni piccolo dispositivo elettrico che non necessiti di una carica particolarmente potente per funzionare. La pila con il limone funziona in quanto il succo di questo frutto è ricco di ioni, che sprigionano elettricità e fungono da conduttori.

Puoi provare lo stesso esperimento anche con una patata o altro frutto o ortaggio con una carica acida minima sufficiente.

Deviare l’acqua con un pettine: elettricità statica

Pettinate ripetutamente una lunga chioma, o sfregatelo per qualche minuto contro un maglio di lana per caricare il pettine di elettricità statica.

A questo punto aprite il rubinetto facendo scorrere l’acqua nella maniera più “sottile” e continua possibile. Avvicinando il pettine al flusso l’acqua tenderà a “piegarsi”, mossa dall’elettricità statica sprigionata dall’oggetto.

Un esperimento semplice ma di grande effetto sui piccoli, agli occhi dei quali questa basica reazione fisica apparirà come una vera e propria magia!

Creare un piccolo motore a batteria

Di cosa hai bisogno:

  • una comune pila stilo;
  • un piccolo magnete di circa 15×8 mm;
  • circa 30 cm di filo di rame;
  • una vite in ferro.

Collega la testa piatta della vite al piccolo magnete e la punta al polo negativo (base) della batteria. Tieni con la mano un’estremità del cavo di rame premuto contro il polo positivo in alto e avvicina la seconda estremità al magnete sulla base. Vedrai a questo punto il magnete iniziare a ruotare verticosamente!

Applicando delle palette colorate al magnete potrai realizzare una piccola girandola da far ruotare, o ancora utilizzando un filo rigido di rame puoi creare una “struttura” rotante dalle forme più disparate.

Accendere una lampadina con acqua e sale

È un esperimento tornato alla ribalta grazie a “Salt”, la lampada alimentata ad acqua e sale divenuta popolarissima in rete, ma si tratta in realtà di una teoria molto più antica. Fu infatti Alessandro Volta il primo ad effettuare questo tipo di esperimento, individuando nel sale una perfetta carica energetica.

Per realizzare questo esperimento ti occorrono:

  • un contenitore in plastica;
  • acqua;
  • due cucchiai di sale;
  • due cavi con morsetti “a coccodrillo”;
  • un pezzo di rame (lastra o filo), abbastanza lungo da poter essere immerso in acqua in acqua per metà:
  • un pezzo di alluminio o zinco, abbastanza lungo da poter essere immerso in acqua per metà,
  • una lampadina LED o motorino elettrico da 1 volt.

Versa l’acqua nel contenitore e sciogli il sale al suo interno mescolando per bene. Immergi nel contenitore il rame e l’alluminio stando bene attento a non farli toccare tra loro e in modo che una parte di essi emerga dall’acqua. Collega ora singolarmente un’estremità dei cavi ai due elettrodi e l’altra alla lampadina o motorino di avviamento, che si attiveranno istantaneamente.

quale gestore luce gas scegliere

Se hai altre simpatiche idee per semplici esperimenti con l’elettricità da insegnare ai bambini scrivicele nei commenti, sulla pagina Facebook Metamer Energia!

Post suggeriti