Offerte luce e gas seconda casa: le migliori e come risparmiare

offerte energia casa vacanze

Poter godere di una seconda casa in cui trascorrere le vacanze è una comodità alla quale oltre 5 milioni di italiani – secondo l’Agenzia delle Entrate – sono ancora affezionati. Una comodità per la quale si è disposti anche a fare qualche sacrificio, dal momento che le spese per mantenere una seconda casa, purtroppo, rappresentano oggi un fattore di cui tenere conto.

Ottimizzare le spese costituisce, quindi, un aspetto importante, ed è importante saper individuare le migliori tariffe energia per seconde case, in relazione ai propri consumi.

Bolletta prima e seconde case: cosa cambia?

Dal 2017 l’Autorità per l’Energia Reti e Ambienti (ARERA) ha avviato una nuova riforma delle tariffe elettriche, in fede a quanto richiesto dalla Comunità Europea qualche anno prima per una maggiore efficienza energetica a livello comunitario.

Fino ad allora, il calcolo degli oneri di sistema e la fornitura di energia elettrica era stabilito mediante parametri denominati d1, d2 e d3. Al loro posto è oggi presente il cosiddetto “Codice Tariffa di Distribuzione” (o TD), che può essere completato con estensioni che indicano diverse categorie:

  • TDR: tariffa energia per residenti nell’abitazione, con potenza massima di 3kW;
  • TDPC: tariffa che riguarda chi possiede un impianto a pompe di calore elettriche ad alta efficienza, con notevoli consumi annui, sempre nella residenza nell’abitazione;
  • TDNR: tariffa utenze domestiche in bassa tensione per non residenti.

I diversi codici sono, ovviamente, soggetti a calcolo di spesa differente, che prevede la diminuzione dei costi fissi in funzione dell’aumento dei consumi. Per questo, quando si tratta di seconde (e terze) case, la bolletta è mediamente più “alta”, se comparata con quella di una prima casa. Il fattore prezzo diviene quindi un aspetto molto rilevante per chi possiede una seconda casa. Tuttavia scegliere “la tariffa più conveniente” non sempre equivale a pagare meno. Ed ecco perché.

Risparmiare sulla bolletta seconda casa: come fare?

Qualche tempo fa abbiamo già parlato di come, nel mercato dell’energia, spesso il prezzo più basso di una tariffa non significa risparmiare davvero. Una tariffa energetica è composta da molteplici voci di spesa che vanno, tra le altre cose, dal costo componente, al trasporto, all’attivazione fino, in alcuni casi, ai servizi di assistenza.

Scegliere una tariffa energetica per seconde case solo sulla base dei centesimi dichiarati sul costo della materia prima energia si rivela molto spesso uno “specchietto per le allodole”, se anche il resto della tariffa non è ottimizzata per i consumi e le necessità dell’utente.

Nel caso delle seconde case, per esempio, potrebbe rivelarsi più vantaggioso scegliere un’offerta dal costo componete bloccato ad una buona quotazione di mercato o, ancora meglio, dalla componente energia a prezzo di costo, cioè all’ingrosso. In questo modo, l’utente è tutelato da variazioni di mercato e sicuro/a che almeno quella voce di spesa resterà invariata in ogni bolletta.

Allo stesso modo, per un’abitazione utilizzata magari solo stagionalmente o nel weekend, potrà essere una buona idea individuare tariffe bioraria, con spesa ridotta per consumi nelle ore serali o nel fine settimana.

Bolletta gas seconde case: gli oneri non cambiano, ma prestate attenzione alla zona climatica

Per le bollette gas per case vacanze al contrario della luce, non sono previsti oneri diversi tra residenti e non residenti, ma ad incidere è un altro fattore: la zona climatica. L’Italia è ripartita in zone climatiche che differenziano le gestione dei consumi di gas in base al territori di pertinenza.

Questo perché, ovviamente, gli utenti delle zone montane hanno, in termini soprattutto di riscaldamento, necessità differenti rispetto a chi abita al mare o comunque a quote più basse. La bolletta di una seconda casa al mare o in montagna, per questo, potrebbe riportare variazioni in funzione di tale aspetto. Sempre per quanto concerne il riscaldamento, per case vacanze in montagna una buona idea potrebbe essere quella di individuare il sistema di climatizzazione ottimale, e più economico, per la propria soluzione abitativa.

Sospensione bollette seconde case e canone RAI

È bene ricordare che la sospensione temporanea delle bollette per seconde case, nonostante venga spesso millantata come soluzione, non è in realtà possibile. O meglio, sarebbe teoricamente possibile staccare e riallacciare continuamente il contatore, ma con ovvi disagi e continue spese aggiuntive per l’utente.

È invece possibile chiedere l’annullamento del canone RAI per seconde case, da inviare direttamente all’emittente, se già pagato per la prima casa.

La migliore offerta energia per seconde case? Prova Metamer Start!

Se stai cercando un’offerta energia per la tua seconda casa, o per attivare il contatore in una nuova casa, scopri i vantaggi Metamer START Luce e Gas:

  • attivazione veloce;
  • rimborso attivazione 30€ dopo il primo anno direttamente in bolletta;
  • 35€ di premio fedeltà ogni anno, direttamente in bolletta.

Metamer START è la tariffa a prezzo variabile riservata a nuove attivazioni e riattivazioni contatore in prime e seconde case! Con Metamer START hai i vantaggi del rimborso attivazione dopo dodici mesi e l’esclusivo premio fedeltà ogni anno, insieme a tutti gli altri vantaggi Metamer Energia:

  • energia 100% green, proveniente da fonti rinnovabili certificate;
  • gestione remota delle forniture luce e gas, tramite app, sportello online e anche via WhatsApp;
  • numero verde gratuito e servizio clienti gestito in Italia.

Wall Box Domestiche per ricaricare l’auto a casa tua

ricarica auto casa

Il mercato delle auto elettriche continua ad aumentare con numeri che, secondo i dati di E-Motus, tra auto ibride e BEV, cioè completamente elettriche, fanno registrare crescite interessanti in termini di vendite e immatricolazioni. Crescita determinata, in un primo momento, dalla possibilità di accedere a bonus e incentivi per l’acquisto di auto elettriche, ma anche dal risparmio sul costo del carburante (in un periodo di forti rincari, come quello che stiamo vivendo) e da una maggiore sostenibilità ambientale.

Le emissioni di un’auto 100% elettrica, infatti, sono pari a zero, rispetto a quelle di auto a metano, benzina, diesel o ibride. Un fattore che, sempre di più, sembra interessare un mercato proiettato verso la ricarica domestica delle auto e un minor impatto ambientale.

Non a caso, parallelamente al boom di auto elettriche in Italia, è cresciuta anche la richiesta di stazione di ricarica, o “Wall Box”, da installare in casa. Dispositivi che permettono la ricarica delle vetture elettriche anche a chi non abita in prossimità di colonnine di ricarica pubbliche, presenti in strada, parcheggi o esercizi commerciali.

Ma come scegliere un dispositivo di ricarica per auto elettriche? Che differenza c’è tra auto elettriche e auto ibride? Perché una wall box è diversa da una colonnina di ricarica? Quali sono le offerte più vantaggiose per installare una stazione di ricarica per auto elettriche in casa? Vediamo tutto in dettaglio in questo articolo!

Cos’è una wall box: stazione di ricarica per auto elettriche in casa

Un wallbox è un dispositivo di piccole dimensioni che è possibile installare in casa, a muro o su un apposito supporto, collegandolo alla rete elettrica domestica. Una stazione di ricarica per auto elettriche, da posizionare dove la vettura viene solitamente parcheggiata (garage,posto auto, ect), consentendone la ricarica per il tempo necessario.

In commercio esistono molteplici tipologie di wall box, con funzioni e specifiche diverse tra loro, ma accomunate da una tecnologia in grado di garantire all’auto elettrica il corretto approvvigionamento di energia, necessario alla ricarica del mezzo. Rispetto alla normale rete domestica, infatti, la wall box scongiura il pericolo di sovraccarichi, variazioni di potenza e simili, che potrebbero danneggiare l’auto o l’impianto.

In questo modo, ci si garantisce una maggiore sicurezza, non solo per l’auto, ma anche per l’impianto dell’abitazione.

È importante specificare che, nonostante molti ne parlino, non sono ad oggi disponibili contributi, sconti, sgravi fiscali, finanziamenti pubblici o bonus per l’installazione di stazioni di ricarica domestiche per auto elettriche. Finanziamenti che, in un primo momento, erano stati effettivamente previsti da decreto ministeriale, al pari dei bonus per caldaie e condizionatori, salvo poi essere stati ritirati in seconda battuta.

Al momento è però possibile selezionare offerte per l’installazione di wall box di ricarica auto elettriche a condizioni e vantaggi migliori sul mercato.

Come scegliere una wall box per ricarica auto elettriche

I fattori di cui tenere conto, come detto, sono molteplici:

  • prezzo;
  • semplicità di installazione;
  • potenza della batteria dell’auto e dell’energia impegnata dal contatore;
  • velocità di ricarica del mezzo;
  • tecnologia, tipologia di connettore e cavo;
  • compatibilità con impianto domestico e vettura.

Sul mercato esistono innumerevoli tipologie, marche e modelli di wallbox tra cui scegliere, disponibili anche su e-commerce e marketplace online. Tuttavia, la “wallbox migliore”, come tanti promettono, non esiste, in quanto è sempre necessario scegliere un dispositivo conforme con le necessità del proprio mezzo o del proprio impianto elettrico. 

Il rischio, in molti casi, è quello di sprecare tempo e soldi, ma anche di ripercussioni peggiori (difficoltà o lentezza nella ricarica, sovraccarico dell’impianto, etc). Per questo è sempre consigliato rivolgersi a tecnici installatori professionisti.

Per installare una wall box di ricarica auto elettriche nella propria abitazione non sono necessari lavori sul contatore, né sul resto dell’impianto. Tuttavia, scegliere pacchetti che prevedano l’installazione di wallbox all-inclusive, ed ad opera di un tecnico professionista, con condizioni che comprendano l’aumento di potenza del contatore in fasce orarie prestabilite (e a costo zero), risulta certamente più vantaggioso.  

Quanto tempo impiega una wall box per ricaricare un’auto elettrica

Le unità di ricarica domestiche sono pensate per adattarsi ai 3,7 kw degli impianti casalinghi, ma con tecnologie in grado di erogare da 7 a 22 kw, in base alle esigenze.

Per una maggiore velocità di ricarica dell’auto, è necessario richiedere l’aumento di potenza del contatore, in conformità con la potenza della wallbox installata. Per farlo in modo sicuro è possibile orientarsi sulla scelta di pacchetti comprensivi di più vantaggi (installazione, consulenza sul modello, assistenza nella richiesta di aumento di potenza, altri bonus) rispetto al semplice acquisto di un dispositivo online.

In base al modello di auto elettrica, e di batteria su essa installata, variano i tempi di ricarica della vettura, ma – orientativamente – possiamo dire che una stazione di ricarica con capacità di 7 kw è in grado di ricaricare completamente un’auto elettrica in circa sei ore, mentre una da 22 kw in appena 2 ore (considerando una batteria auto da 40 kwh).

Perché rivolgersi ad un tecnico specializzato per installare una stazione di ricarica per auto elettriche

L’installazione di wall box per la ricarica di auto elettriche in casa potrebbe richiedere la necessità di variazioni di potenza del contatore, tipologie di dispositivi con caratteristiche specifiche per l’interno, l’esterno, la tipologia di impianto e il modello di auto da ricaricare.

Per questo, rivolgersi ad un tecnico installatore, meglio se convenzionato con il proprio fornitore di energia, consente di andare a colpo sicuro, risparmiando sicuramente tempo e soldi.

Cerchi un preventivo per installare una wall box a casa tua?
Mettiti comodo: con Metamer è tutto incluso!

Mettiti comodo al volante della tua auto: pensiamo noi a ricaricarla di energia! Con Metamer Energia [www.metamer.it ] puoi richiedere il sopralluogo gratuito e senza impegno di un tecnico installatore professionista, convenzionato con la nostra azienda, per l’installazione delle nuove Metamer E-Charging Station hai una stazione di ricarica per auto elettriche a casa tua con:

  • da 7 o 22 kw di potenza;
  • connessione internet e bluetooth, per verificare lo stato di ricarica;
  • sopralluogo gratuito per installazione da parte di tecnici certificati ABB;
  • assistenza per l’aumento di potenza contatore gratuito nelle ore notturne, per ricaricare l’auto più velocemente e senza aumenti della bolletta;
  • energia 100% green, proveniente da fonti rinnovabili certificate;
  • pagamenti rateizzati, in base alle tue esigenze.

E se scegli anche di passare le tue utenze luce e gas a Metamer con una delle nostre offerte energia casa ricevi un bonus da 50 ricariche auto complete GRATIS, con uno sconto annuale in bolletta!