#5minutidienergia | Puntata 2: Sostenibilità e green attitude: cosa si intende per energia sostenibile?

In questa seconda puntata l’amministratore delegato di Metamer, Nicola Fabrizio, risponde in pochi minuti alle più comuni FAQ sulla sostenibilità della filiera energetica.

Cosa si intende esattamente per “energia green”?

Innanzitutto quando parliamo di “energia”, ci riferiamo principalmente all’energia elettrica.

L’energia che di solito arriva nelle nostre case è prodotta da un mix di fonti come carbone, gas naturale, prodotti petroliferi, nucleare ed altro.

Quando invece affianchiamo al termine energia, aggettivi come “green”, “verde” o “pulita” intendiamo che la stessa proviene da fonti rinnovabili, come vento, acqua, sole e viene prodotta principalmente da centrali eoliche, idroelettriche o impianti fotovoltaici. È importante, che il fornitore possa certificare la provenienza dell’energia green attraverso un documento specifico in grado di attestare che l’energia utilizzata è prodotta nel rispetto dell’ambiente. 

Invece è possibile parlare anche di “gas 100% green”?

Per il gas la questione è un po’ più complessa. Il gas metano, cioè quello più utilizzato per riscaldare le nostre case e cucinare, è un gas naturale, quindi di per sé “ecologico”, ma che comunque genera emissioni di anidride carbonica anche se in maniera molto ridotta rispetto alle altre fonti fossili.

Non è, quindi possibile parlare di “gas verde” o “100% green”.

Sempre più spesso si parla di biogas, cioè metano prodotto attraverso la fermentazione di rifiuti organici. Questa operazione però ha forti impatti sui costi finali per l’utente e non assicura comunque una vera sostenibilità ambientale. Quindi il termine più corretto da utilizzare per il gas è “compensazione”, cioè azzerare gli impatti delle emissioni di Co2 con progetti ad alto valore ambientale e sociale.

E allora, cosa è importante valutare quando si sceglie un’offerta energetica green?

È importante per il cliente, accertarsi che l’energia elettrica provenga da fonti rinnovabili certificate e che scegliere un’opzione “green” non significhi pagare una tariffa più cara.

In Metamer abbiamo scelto di accelerare sulla strada della transizione ecologica, seguendo le linee guida dell’organizzazione delle Nazioni Unite e della Comunità Europea, trasformando in “verde” la nostra energia elettrica, non soltanto da qui in avanti, ma anche per tutti i clienti attuali.

Infatti per i clienti già in portafoglio abbiamo deciso di trasformare la loro energia, in energia verde, senza alcun costo aggiuntivo e come segno di responsabilità e impegno sul tema della sostenibilità.

Questa scelta consapevole ci consentirà, nel solo anno 2021, di ridurre le emissioni di anidride carbonica di circa 10.000 tonnellate: un po’ come aver piantato 5.000 tonnellate di alberi o aver risparmiato 550 milioni di fogli di carta!

In Metamer riteniamo da sempre che i risultati economici non siano gli unici obiettivi aziendali, ma altri valori accompagnano la nostra missione.

La scelta di accelerare sulla transizione energetica, è il risultato dell’impegno di Metamer nella direzione della responsabilità sociale di impresa e della valorizzazione del territorio in cui operiamo.

Seguici per non perdere ogni mese i nuovi episodi!

Permettici di offrirti una consulenza per ottimizzare i tuoi consumi

Metamer è una società del libero mercato energetico che opera in tutta Italia per la fornitura di luce e gas ad uso domestico e professionale. Le nostre politiche aziendale non comprendono l’utilizzo di strategie di marketing invasive, come telefonate o porta a porta, per la promozione delle nostre tariffe.

Siamo certi della qualità del nostro servizio e desideriamo offrirla anche a te.

Se stai pensando di cambiare operatore, valuta tu stesso/a le nostre offerte gas e luce 100% green, con possibilità di scegliere tra tariffe mono, bio o triorarie, dal costo componente bloccato o variabile. Il tutto con il supporto di un servizio clienti affidabile e veloce, gestito in Italia e disponibile tramite numero verde gratuito e WhatsApp.

Richiedi maggiori informazioni sulle nostre offerte!

Compila il form di contatto per richiedere un preventivo di spesa da un nostro consulente e valutare tu stesso/a le nostre offerte energetiche green. Metamer non effettua servizio di telemarketing o altre pratiche commerciali invasive. I tuoi dati saranno trattati nel rispetto delle nostre policy sulla privacy e solo per la consulenza da te richiesta!

⇩ ⇩ ⇩ ⇩ ⇩ ⇩ ⇩ ⇩ ⇩ ⇩ ⇩ ⇩

Bonus verde 2021: con il tetto verde risparmi energia (e aumenti il valore dell’immobile)

bonus verde

L’introduzione del Bonus Verde 2021, nei primi mesi di quest’anno, ha aperto il dibattito su nuove e originali tendenze relative al rifacimento di giardini e aree verdi.

Un incentivo che prevede detrazioni fiscali per la sistemazione del verde domestico, come giardini privati e condominiali, ma anche terrazzi e balconi da riconvertire in chiave green.

Questo bonus va ad aggiungersi al resto di quelli previsti dalla nuova Legge di Bilancio, tra cui:

Il Bonus Verde è una ulteriore misura, resa ancora più interessante dalla possibilità di sfruttarla non solo per migliorare l’estetica del proprio immobile, ma anche la sua efficienza energetica. Già perché, al di della bellezza che piante e giardini sono in grado di suscitare, il verde rappresenta un ottimo coibentante per edifici, e si presta ad altri numerosi usi.

È il caso, per esempio dei tetti verdi, diffusi in nord Europa e in altre parti del Mondo, ma praticamente sconosciuti in Italia. Una soluzione sostenibile ed ecologica, in grado di garantire anche un risparmio sotto il punto di vista dei consumi energetici.

Scopriamoli insieme, in questo nuovo articolo del blog Metamer!

Cosa sono i tetti verdi

Proprio come suggerisce il nome, si tratta di un giardino pensile realizzato sul tetto del proprio immobile. I tetti verdi (o Roof In Green, come sono conosciuti all’estero) sono realizzati in modo da essere completamente impermeabilizzati dalla struttura principale, che contribuiscono a proteggere grazie al loro altissimo potere isolante.

Il terriccio utilizzato per la copertura verde permette, infatti, una più efficiente termoregolazione dell’edificio, che consente anche di mantenere meglio il calore in inverno e a garantire una temperature mite in estate. Inoltre, i tetti verdi, migliorano il livello di umidità percepita grazie all’azione delle piante, che fungono da filtro per le polveri sottili presenti nell’atmosfera.

Una tecnologia ampiamente impiegata in abitazioni e uffici per migliorare l’efficienza energetica, garantendo così maggiori risparmi.

In Francia, nel 2015, il Governo ha promulgato una legge che obbligava le aziende a riconvertire i tetti di edifici di nuova costruzione secondo criteri verdi o fotovoltaico, grazie a incentivi simili all’attuale Bonus Verde 2021.

I risultati sono stati sorprendenti: un netto efficientamento del tasso di consumi ed emissioni, e un decisivo miglioramento dell’umore dei dipendenti, che molto spesso si occupano direttamente della cura dei giardini aziendali durante le pause di lavoro.

Insomma, quella dei tetti verdi sembra essere una soluzione che, oltre all’ambiente, fa bene alla nostra salute!

Costi e vantaggi dei tetti verdi

Appresi quindi i benefici che le coperture in verde sono in grado di offrire ti starai forse chiedendo ora quanto costa un tetto verde. Partiamo dal presupposto che, naturalmente, la spesa dipende dalla dimensione del tetto in questione ma, in un certo senso, anche i vantaggi.

Tipologie di tetti differenti saranno idonei ad ospitare giardini pensili e orti urbani diversi. Nello specifico i tipi di tetti verdi sono due:

  • Tetti Verdi Intensivi; della profondità di circa 1 metro, permettono di coltivare piante, ortaggi e persino piccoli alberi da frutto.
  • Tetti Verdi Estensivi; semplici rivestimenti in erba di 15-20 cm di spessore. Creano un’ottima coibentazione e non necessitano di una particolare manutenzione.

La scelta della tipologia è soggetta a parere e alla progettazione di un professionista (architetto o ingegnere) in grado di calcolare con precisione la distribuzione del peso, la capacità di carico del giardino pensile e un corretto sistema di drenaggio dell’acqua.

Prima di ogni operazione, è però necessario informarsi per sapere cosa prevedono nello specifico i regolamenti urbanistici e condominiali in materia, così da poter realizzare un tetto verde con tutte le dovute autorizzazioni.

Il costo di un tetto verde dipende quindi esclusivamente dalla progettualità alla base dello stesso, e dalla sua tipologia (a parità di dimensione, l’intensivo risulterà naturalmente più caro dell’estensivo). Il costo di una semplice copertura verde si aggira normalmente attorno ai 70 euro per metro quadro, e può superare i 100 qualora si preveda l’impiego di piante o tecnologie particolari.

vantaggi di un tetto verde risiedono invece, come detto, nella riduzione dei costi in bolletta che è in grado di generare, ma non solo.

Un tetto verde, specie se intensivo, e quindi con ortoaumenta il valore dell’immobile anche di un considerevole 15%-20%. Inoltre, ne migliora la qualità, grazie alla riduzione di emissioni e polveri sottili, ottimizzandone termoregolazione, tasso di umidità, isolamento acustico, e permettendo anche un approvvigionamento alimentare a chilometro zero.

Esperti interrogati sul tema stimano che grazie ad un tetto verde sia possibile ridurre le spese di riscaldamento e refrigeramento del 30%.

Come realizzare un tetto verde o orto urbano

Installare un tetto verde sulla propria abitazione è, come detto, un’operazione soggetta ad un’attenta valutazione progettuale. La sua natura rispecchia, per certi versi, i principi alla base della permacultura, una scuola di pensiero teorizzata alla fine degli anni ’70 che punta alla massificazione dei vantaggi derivanti da una buona sinergia degli ecosisistemi naturali. Un dottrina che strizza l’occhio ai bisogni dell’uomo, nel pieno rispetto della natura e dei suoi ritmi.

La progettazione di un tetto verde si compone di strati che permettono l’impermeabilizzazione, l’areazione e il drenaggio, al fine di evitare problemi di infiltrazioni d’acqua e altra natura. Data la natura complessa del progetto, è vivamente sconsigliata l’idea di realizzare un tetto giardino fai da te, a meno che tu non sia un esperto in materia.

Questo perché, al di là degli aspetti appena citati, è fondamentale tenere conto della maggiorazione di peso che graverà sulla struttura una volta che il tuo tetto verde sarà pronto, ed è quindi fondamentale sviluppare alla base un calcolo necessario che tenga conto della natura dell’immobile interessato.

Il Bonus Giardino 2021 prevede incentivi per tetti verdi con una detrazione del 36% delle spese ammissibili dal bando, fino ad un massimo di 5.000 euro. Le spese ammissibili comprendono anche la fase di progettazione e acquisto dei materiali, aspetto da non sottovalutare quindi, a fronte di un potenziale risparmio in grado di permettere una maggiore sicurezza.

Valutare l’opportunità di realizzare il proprio tetto giardino, per abitazioni o uffici, diviene quindi una considerazione concreta, sulla quale iniziare seriamente a riflettere sulla base degli ottimi risultati guadagnati in questi anni da altri Paesi nel Mondo.

Energia green: oggi conviene di più!

Un’offerta luce green, cioè proveniente da fonti rinnovabili certificate, costa mediamente il 9% in meno l’anno rispetto alle tariffe energetiche tradizionali. È quanto emerso da una recente ricerca condotta da un importante comparatore di tariffe energetiche nazionale, secondo cui l’energia verde non è solo più sostenibile, ma conviene!

Permettici di offrirti una reale consulenza per ottimizzare i tuoi consumi

Metamer è una società del libero mercato energetico che opera in tutta Italia per la fornitura di luce e gas ad uso domestico e professionale. Le nostre politiche aziendale non comprendono l’utilizzo di strategie di marketing invasive, come telefonate o porta a porta, per la promozione delle nostre tariffe.

Siamo certi della qualità del nostro servizio e desideriamo offrirla anche a te.

Se stai pensando di cambiare operatore, valuta tu stesso/a le nostre offerte gas e luce 100% green, con possibilità di scegliere tra tariffe mono, bio o triorarie, dal costo componente bloccato o variabile. Il tutto con il supporto di un servizio clienti affidabile e veloce, gestito in Italia e disponibile tramite numero verde gratuito WhatsApp.

Richiedi maggiori informazioni sulle nostre offerte!

Compila il form di contatto per richiedere un preventivo di spesa da un nostro consulente e valutare tu stesso/a le nostre offerte energetiche greenMetamer non effettua servizio di telemarketing o altre pratiche commerciali invasive. I tuoi dati saranno trattati nel rispetto delle nostre policy sulla privacy e solo per la consulenza da te richiesta!

Offerte Green Luce e Gas: come scegliere quelle realmente sostenibili

come scegliere energia verde

L’Italia è al passo con i tempi nella transizione verso l’energia pulita. Lo rivela un’indagine condotta lo scorso anno, secondo la quale il 73% dei fornitori energia propone offerte al 100% green o con un’opzione di scelta tra sostenibile e non.

Ma nel mondo dell’energia, come abbiamo visto altre volte, le offerte non sono tutte uguali e questo, naturalmente, vale anche per le tariffe green. L’energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili può provenire da centrali eoliche, idriche, fotovoltaiche o da un mix di tutte queste opzioni e, soprattutto, possono esserci differenze in termini di prezzo tra operatori che offrono tariffe green con o senza maggiorazioni per i clienti.

Nonostante la maggior parte degli operatori (circa il 62%, secondo la ricerca) non applichi alcuna spesa aggiuntiva per la vendita di energia pulita, in alcuni casi è possibile che le tariffe green prevedano un sovrapprezzo che va mediamente dai 5€ ai 30€ annui. Un fattore, in grado di condizionare pesantemente la scelta tra energia rinnovabile e non, specie se comparato alla possibilità passare ad un’offerta energetica green senza alcuna maggiorazione.

È inoltre interessante sapere che, la stessa indagine, ha evidenziato come offerte energetiche digitali, cioè attivabili da remoto, con approvvigionamento da fonti rinnovabili e che prevedono pagamento con RID e invio della bolletta in formato elettronico costino in media il 9% in meno rispetto a quelle non green.

Offerta Luce Green: come scegliere quelle davvero sostenibili

Per le offerte luce generalmente è più semplice. L’elettricità prodotta in modo sostenibile è oggi una realtà affermata e diffusa nella filiera energetica nazionale. Tuttavia, per essere sicuri che un’offerta luce sia realmente sostenibile è necessario verificare che le fonti utilizzate per produrre l’energia siano certificate e rispettose dell’ambiente.

Dovranno quindi:

  • provenire da fonti rinnovabili, come acqua, sole, vento, o un mix di tutte queste opzioni;
  • possedere la necessaria “Garanzia di Origine” (o “GO”), in conformità con la direttiva europea 2009/28/CE.

Questi due indicatori rappresentano un primo e ottimo indizio per capire se l’offerta energetica proposta è davvero green.

Gas 100% green: è possibile?

Diciamolo subito: no, o meglio, non proprio. Il gas metano, cioè quello che solitamente utilizziamo per riscaldare casa e cucinare (diverso dal GPL, cioè quello venduto in “bombole”) è un combustibile fossile. Proviene dalla natura, ma la sua combustione non è “naturale” in quanto provoca emissioni di Co2, anche se in quantità molto ridotta rispetto ad altri idrocarburi, come il petrolio.

Il biogas, ossia un gas metano 100% green, esiste ed è quello prodotto da impianti per la trasformazione di rifiuti organici, proprio come gli scarti che produciamo in cucina, ma in questo caso provenienti da grandi aziende agricole o zootecniche in grado di garantire le tonnellate di materie prime necessarie alla produzione di grandi quantitativi di gas. Il metano prodotto artificialmente dalla fermentazione degli scarti viene poi incanalato e immesso nelle linee di distribuzione.

Ma…c’è un però”, diceva un famoso comico televisivo. La filiera del biogas è ancora oggi considerata troppo “instabile” e soggetta a numerose problematiche, che riguardano soprattutto:

  • una produzione sostenibile della parte organica
    non sempre recuperata da aziende agricole o allevamenti (e, anche in quel caso, non selezionata in basa alla sostenibilità di produzione), ma spesso prodotta con il solo scopo di essere impiegata per produrre gas. Ciò significa spreco di cibo, di risorse (terreni agricoli, acqua irrigua, etc) e, spesso, abbondante utilizzo di fertilizzanti e pesticidi;
  • capacità di soddisfare la domanda
    gli attuali livelli di produzione di biogas sono assolutamente insufficienti per soddisfare il fabbisogno di gas metano, non solo italiano, ma anche solo delle regioni più grandi o densamente popolate del Bel Paese. Ciò significa impossibilità di rispondere all’attuale domanda, ma anche un ingente incremento dei costi per chi sceglie di utilizzarlo;
  • difficile certificarlo
    la filiera del biogas è molto difficile da “controllare”, ossia assicurare che la produzione del gas avvenga in maniera 100% sostenibile. Per farlo, sarebbe opportuno conoscere la provenienza del materiale organico utilizzato per produrlo, se e quali additivi chimici sono stati utilizzati per coltivarlo (o allevarlo), come viene effettuato stoccaggio, trasporto e altri processi di distribuzione.

Al momento, queste criticità non permettono una concreta prospettiva per l’utilizzo di un gas verde. Sempre secondo la ricerca citata in precedenza, il metano green costa in media ancora l’11% in più rispetto a quello tradizionale ed è utilizzato da meno dell’8% dei distributori di energia in Italia. Contando che, alcuni di essi, promuovono offerte basate su un mix di biogas e metano tradizionale, la percentuale si riduce ancora.

Allora, com’è possibile scegliere un’offerta energetica davvero sostenibile?

Partendo dalla luce, che deve essere – come abbiamo visto – proveniente da fonti rinnovabile certificate e, meglio ancora, se alla stessa tariffa di un’offerta energetica non sostenibile.

Per il gas, la cosa migliore è scegliere un fornitore impegnato per la salvaguardia e la promozione del o dei territori in cui opera, con iniziative di carattere ambientale o sociale, continuativi e in sinergia con le imprese della zona.

Se stai cercando un’offerta energetica sostenibile, prova le tariffe Luce e Gas di Metamer: energia 100% green proveniente da fonti rinnovabili certificate, insieme a tanti altri incredibili vantaggi!

  • Nessun deposito cauzionale, o interruzione di fornitura, al momento dell’attivazione;
  • Tariffe a prezzo fisso o variabile in base alle tue esigenze;
  • Un’app e uno sportello online per gestire i tuoi consumi in modo più comodo;
  • Possibilità di domiciliazione bancaria e bolletta elettronica, per aiutare l’ambiente riducendo emissioni e spreco di carta;
  • Possibilità di fatturazione mensile per abbattere i picchi di spesa nelle stagioni più fredde;
  • Servizio clienti gratuito, gestito in Italia e disponibile tramite numero verde e WhatsApp.

Permettici di offrirti una reale consulenza per ottimizzare i tuoi consumi

Compila il form di contatto per richiedere un preventivo di spesa da un nostro consulente e valutare tu stesso/a le nostre offerte energetiche. Metamer non effettua servizio di telemarketing o altre pratiche commerciali invasive. I tuoi dati saranno trattati nel rispetto delle nostre policy sulla privacy e solo per la consulenza da te richiesta!

100 domande sul 110%: guida completa agli incentivi del Superbonus

guida incentivi 110%

Metamer in collaborazione con il quotidiano il Centro ha pubblicato la nuova “Guida agli incentivi Superbonus: 100 domande sul 100%”, che puoi scaricare gratuitamente da questa pagina.

Non perdere le novità del settore energetico!

Incentivi, bonus, aggiornamenti sul mercato dell’energia, consigli per ottimizzare i consumi e risparmiare energia insieme tante altre informazioni utili: segui Metamer anche su Facebook, Instagram e LinkedIn per non perdere ogni giorno le più interessanti novità del settore energetico!

Seguici su Facebook, Instagram e LinkedIn per non perdere aggiornamenti quotidiani e tante altri interessanti contenuti!

#5MinutiDiEnergia | Puntata 1: differenze tra mercato libero e tutelato

#5MinutiDiEnergia​, un nuovo format in collaborazione con Radio Delta 1 che affronta in pochi minuti alcuni dei temi più “caldi” del settore, con informazioni, aggiornamenti e curiosità sul mondo dell’energia.

In questa prima puntata l’amministratore delegato di Metamer Nicola Fabrizio illustra le differenze tra mercato libero e tutelato: una transizione che quest’anno riguarda soprattutto Micro e Piccole Imprese, ma che dalla fine del 2022 interesserà anche le forniture gas e luce ad uso domestico.

Qual è la principale differenza tra mercato libero e maggior tutela?

Nel mercato tutelato ci sono i clienti che non hanno mai cambiato il proprio fornitore di gas e luce dopo la liberalizzazione del mercato. In sostanza, la differenza principale tra i due mercati sta nella definizione del prezzo della cosiddetta “componente energia”, cioè del gas o dell’elettricità che consumiamo e che vale all’incirca il 40% del prezzo finale della bolletta.

Nel mercato tutelato, il prezzo della componente energia viene stabilito dall’ARERA, l’Autorità di regolazione del settore energetico, che aggiorna trimestralmente i prezzi di luce e gas in base all’andamento dei mercati internazionali, senza la possibilità per cliente di scegliere in base alle proprie abitudini di consumo .

Nel mercato libero, invece, il cliente  può scegliere la tipologia di prezzo, potendo rivolgersi a diverse società di vendita, che offrono  la possibilità di sottoscrivere offerte a prezzo “fisso” o “variabile” e possono arricchire l’offerta con servizi aggiuntivi e/o sconti,  bonus, promozioni. In Metamer ad esempio offriamo una gamma di prezzi fissi e variabili e tariffe luce monorarie, biorarie o triorarie che consentono di trovare insieme ai nostri consulenti la soluzione più adatta alle proprie esigenze di consumo.

Quale dei due regimi “conviene” di più?

Diciamo che non esiste una formula più “conveniente” dell’altra. Esiste quella che si adatta meglio alle esigenze del cliente. Sempre più persone, oggi, scelgono di rivolgersi al mercato libero perché la concorrenza tra le imprese è più forte e i prezzi tendenzialmente scendono. Senza contare che, entro la fine del 2022, il regime di maggior tutela verrà completamente dismesso, a quel punto sarà obbligatorio passare a libero mercato,  sarebbe  – quindi – preferibile  individuare oggi il proprio fornitore di fiducia, scegliendo tra le proposte più adatte alle proprie esigenze. Inoltre per definire cosa conviene  occorre valutare anche altri aspetti come l’efficienza e la qualità del servizio clienti: in Metamer ad esempio offriamo un servizio clienti digitalizzato su canali web, telefono e whatsapp ed una rete di sportelli territoriali a disposizione per assistenza al fine di garantire  risposte in tempi più rapidi rispetto agli standard stabiliti dall’Autorità dell’energia.

Se ho sottoscritto un contratto da molti anni, e magari l’ho dimenticato, come faccio a verificare se la mia utenza è ancora in regime di maggior tutela o già nel mercato libero?

Basta controllare la bolletta: l’informazione è, o dovrebbe essere, sempre riportata tra le informazioni principali. Dico “dovrebbe” perché l’impostazione della bolletta può essere diversa da gestore a gestore e in alcuni casi risulta difficile trovare informazioni di questo tipo, o un riepilogo dei costi chiaro e ben visibile. In Metamer abbiamo adottato già da tanti anni il format semplificato della Bolletta 2.0 definito dall’ ARERA per una bolletta più chiara, semplice e trasparente, dove individuare le informazioni risulta più immediato. Per essere ancora più chiari ciascun nuovo cliente riceve con la prima bolletta una guida alla lettura della bolletta stessa. Seguici per non perdere ogni mese i nuovi episodi!

Permettici di offrirti una consulenza per ottimizzare i tuoi consumi

Metamer è una società del libero mercato energetico che opera in tutta Italia per la fornitura di luce e gas ad uso domestico e professionale. Le nostre politiche aziendale non comprendono l’utilizzo di strategie di marketing invasive, come telefonate o porta a porta, per la promozione delle nostre tariffe.

Siamo certi della qualità del nostro servizio e desideriamo offrirla anche a te.

Se stai pensando di cambiare operatore, valuta tu stesso/a le nostre offerte gas e luce 100% green, con possibilità di scegliere tra tariffe mono, bio o triorarie, dal costo componente bloccato o variabile. Il tutto con il supporto di un servizio clienti affidabile e veloce, gestito in Italia e disponibile tramite numero verde gratuito e WhatsApp.

Richiedi maggiori informazioni sulle nostre offerte!

Compila il form di contatto per richiedere un preventivo di spesa da un nostro consulente e valutare tu stesso/a le nostre offerte energetiche green. Metamer non effettua servizio di telemarketing o altre pratiche commerciali invasive. I tuoi dati saranno trattati nel rispetto delle nostre policy sulla privacy e solo per la consulenza da te richiesta!